Colore e Umore: quale scegliere per sentirsi meglio?

Colore e Umore: quale scegliere per sentirsi meglio? Parliamo a Radio Sieve del significato che può assumere un colore rispetto ad un altro nel momento in cui andiamo a definire il nostro look.

Per ascoltare il mio intervento su Radio Sieve nella trasmissione Post-it di Tommaso Venturini cliccate direttamente sul file audio.

Quando indossiamo qualcosa, inconsapevolmente, tendiamo a selezionare i capi in base a come ci sentiamo in quel preciso momento. Avrete sicuramente sentito parlare di “Mood” un termine tecnico che si usa molto nella moda per indicare lo stato d’animo, l’atteggiamento o più semplicemente il nostro umore.

Nonostante esistano tantissimi consigli di stile o vademecum su come abbinare determinati capi o gli errori da evitare, sappiate che non esiste una regola assoluta del “vestire bene” ma solo nel “riuscire a stare a proprio agio”.

In questo senso, lo stile non viene percepito come una regola ma come un modo di essere, di sentirsi liberi e più consapevoli di sé stessi.

Come può un colore migliorare il nostro umore e aumentare l’autostima di una persona?

Vale la “Regola a contrasto”, così l’ho definita:

  1. Se guardandovi allo specchio vi sentite particolarmente tristi, di cattivo umore o apatici, provate a sfidarvi e cercate nel vostro armadio il capo o l’accessorio più colorato che avete. Non esagerate ovviamente! Per le donne potrebbe essere un foulard giallo sole; una spilla a fiore colorata da applicare su un capospalla; mentre, per le più giovani, uno zainetto multicolor; una borsa azzurra o fuxia, e così via. Per l’uomo può essere una camicia con gemelli colorati, un paio di calzini, una pochette da tasca, qualcosa di sbarazzino che possa attirare l’attenzione. Da non sottovalutare anche il lato olfattivo, meglio puntare su profumazioni agrumate o speziate che sono pungenti e tendono ad esaltare e risvegliare i nostri sensi.

Quindi, un colore accesso, brillante in questo caso, può trasformare, a volte i pensieri negativi in positivi “Cromoterapia”.

Ma quali sono i colori che tendono a infondere e attivare il senso di allegria? Sicuramente i vitaminici: il verde kiwi; l’arancione; il giallo limone; il rosso fragola; l’azzurro e tutte le colorazioni fluorescenti,  il fuxia, il blu elettrico e le tonalità altamente empatiche.

  1. Se invece vi sentite al contrario troppo euforici, intraprendenti e magari dovete concentrarvi per affrontare un colloquio di lavoro, incontrare un cliente importante o i vostri suoceri per la prima volta, vi consiglio le tonalità più neutre che tendono a sortire l’effetto contrario, quindi a tranquillizzare e rassicurare. Ricordate che i colori come il sabbia, il bianco o il corda, abbinati al blu o al nero, tendono a trasmettere un effetto di ordine, compostezza e sicurezza. Soprattutto il blu è la cromia più adatta sul posto di lavoro, poiché suscita nell’altro fiducia. Per il profumo consiglio dei sillage olfattivi che possano evocare il mare, l’oceano o un mix al legno di sandalo e ambra.

Per quanto riguarda invece la carnagione, se è molto scura consiglio sempre abiti dalle tonalità più chiare come un rosa cipria, il bianco, il pesca e tutte le sfumature pastello che tendono ad illuminare. Eviterei il rosso se non in determinate occasioni.

Mentre quelle più chiare possono osare con i colori più vitaminici per ottenere un mood ottenere un mood frizzante.

Copyright Alvufashionstyle – di Alvuela Franco

www.radiosieve.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: