Tag arte e moda

Gretel Zanotti: la stilista che si ispira all’arte

Gretel Zanotti, è una stilista che trae ispirazione dal mondo dell’arte. La collezione SS-2016 innesta rimandi ai meravigliosi ramage “botticelliani”, mentre quella FW-2016/2017 è un vero e proprio viaggio creativo partito da Toulouse-Lautrec. Gretel Zanotti, dotata di una spiccata sensibilità estetica, è in grado di infondere in ogni capo una vena intimista diversa, attraverso una concatenazione caleidoscopica di immagini e dettagli artistici, in grado di tramutarsi in design e successivamente concretizzarsi su capi originali da collezione che coniugano Arte e Moda.

Leggi tutto…

Il Futurismo incontra la Moda di M. Vignali

E la Moda incontra il Futurismo: così nasce il primo connubio tra Moda ed Arte. Parliamo di una corrente di pensiero che ha influenzato il campo artistico e letterario per eccellenza e che ha origine dalla pubblicazione dal Manifesto Futurista di Filippo Tommaso Marinetti nel 1909 a Parigi.

Leggi tutto…

I Tagli di Lucio Fontana sugli abiti di Chiara Boni

Ispirata all’essenza e all’astrazione delle rappresentazioni mentali dei celebri “Tagli” di Lucio Fontana, la stilista fiorentina Chiara Boni celebra l’artista contemporaneo durante la Milan Fashion Week 2014, con quattro sublimi creazioni.

La Designer, realizza un inedito concetto di abito: il taglio indica un passaggio attraverso la texture, indossata come una tela e l’osservatore percepisce questa fessura come il risultato stilistico di un estro creativo libero e anticonvenzionale.

Un’eleganza affine al concetto di infinito, un invito a “guardare oltre” l’estetica, come immagine del bello, evidenziando l’idea di un’essenzialità recondita, celata interiormente da un universo femminile ancora tutto da scoprire.

Leggi tutto…

Alessia Xoccato: celebra Paul Klee alla Milan Fashion Week

Gli abiti di Alessia Xoccato celebrano il pensiero di Paul Klee in cui: “L’arte non riproduce ciò che è visibile, ma rende visibile ciò che non sempre lo è”. L’arte non deve riprodurre la realtà delle cose ma sperimentare, stimolare la ricerca, interpretare mediante i sensi tutto ciò che ci circonda. Così è la moda, che non può essere considerata un punto di arrivo ma l’origine di un qualcosa di nuovo, un big bang empatico, intento a stimolare l’immaginario individuale attraverso lo spazio che viene circoscritto da linee, simmetrie e cromaticità.

Leggi tutto…

Dai Labirinti di Escher alla moda interpretata di Vittorio Camaiani

Dopo la surrealista collezione “Gocce dalle Nuvole di Magritte” e la poetica “Fili di Parole, Pagine di Abiti” con versi di Leopardi trascritti sulle raffinate mise, Vittorio Camaiani, stilista dotato di uno sconfinato senso artistico innovativo e sperimentale, trionfa all’Alta Roma con i “Labirinti di Escher”.

Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: