Elio Fiorucci: lo stilista degli angeli

Elio Fiorucci

Elio Fiorucci

Lo ricorderemo come lo stilista degli angeli, dagli iconici visi e dagli occhi verso il cielo ma Elio Fiorucci fu un grande innovatore, un anticonformista, che nel grigiore generale dei tempi volle contribuire con i colori vibranti ad una nuova realtà in pieno fermento.

Cavalcando l’onda delle nuove tendenze, lo stilista aprì a Milano il suo primo negozio in Galleria Passarella. Una vera e propria finestra sul mondo, con tutte le novità di Carnaby Street, le hit parade londinesi e quelle statunitensi. Fu disegnato dalla scultrice Amalia del Ponte e lo spazio venne inaugurato da Adriano Celentano che arrivò all’opening su una Cadillac rosa. Questo determinò un vero e proprio evento. All’interno del negozio si potevano acquistare non solo abiti ma anche gadget, cibi, bevande, tutto all’insegna dei “colori accesi“. Un luogo creato ad hoc per i giovani, in cui si poteva spaziare, interagire, comunicare. Da qui derivò un successo internazionale, con la creatività e alcune immagini iconiche diventate simboli come gli angioletti vittoriani che divennero il logo di Fiorucci, riadattato dall’architetto Italo Lupi. La formula, venne replicata sempre a Milano in via Torino per poi arrivare fino a Londra nel 1975 e a New York nel 1976.

Sempre attento alle tendenze della moda e soprattutto al lifestyle, Fiorucci ha collaborato con uno dei più celebri artisti della street art, Keith Haring, che lavorò un giorno e una notte per colorare il negozio Fiorucci.

Ma nella storia dello stilista esiste una conoscenza illustre, Andy Warhol, l’artista della Pop Art. Nel 1976 il negozio Fiorucci apre nella 59esima strada, centro propulsore degli artisti e dei creativi newyorkesi e fu proprio in quell’anno che lo stesso Warhol decise di lanciare la propria rivista Interview dal negozio i cui interni furono disegnati dagli architetti di fama internazionale quali: Ettore Sottsass, Andrea Branzi e Franco Marabelli.

Lo stilista Hippy negli anni 60 e 70 ha dunque rivoluzionato la moda giovanile. Fervido estimatore di un mood nuovo e fresco, inventore delle maglie stampate con gli angeli, squisitamente abbinate ai pantaloni a vita alta. Elio Fiorucci va oltremodo ricordato per aver lanciato le sneakers, mixate ai look classici e utilizzate per sdrammatizzare quelli troppo composti.

Addio ad un uomo che ha osato sperimentare e rivoluzionare i canoni stilistici, addio ad un genio ed un creativo che ha sempre visto lontano e che ha fatto della sua passione un’arte, addio a colui che ha reso la moda pop una tendenza. I tuoi angeli ti accompagneranno in questo nuovo cammino e noi ti ricorderemo come lo stilista dal grande sorriso.

                                           Michelevignali blog

di Michele Vignali in collaborazione con Alvufashionstyle

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: