Storia della Bamboo Bag Gucci di M. Vignali

Un classico tra i classici, una vera e propria icona tra le borse che hanno segnato la storia del costume e della moda. Era il 1954 quando per la prima volta la Bamboo Bag, firmata Gucci, esordì al cinema al braccio di Ingrid Bergman, in una pellicola di Rossellini “Viaggio in Italia” e successivamente da Vanessa Redgrave nel celebre film di Michelangelo Antonioni “Blow Up” del 1966.

dario cuci

La Bamboo bag, ottenne così un clamoroso successo nelle vendite, soprattutto dopo che anche l’attrice Liz Taylor, protagonista del celebre film “La gatta sul tetto che scotta”, fu immortalata sul set in una foto con Paul Newman, nel 1959, con indosso la meravigliosa borsa.

gucci archivio

Durante gli anni ’60, la Bamboo divenne la borsa delle celebrities per eccellenza.

Consacrata a icona di stile la it-bag divenne oggetto di desiderio, inesorabilmente presente sotto le luci del jet set.

L’uso del bamboo, dunque di un materiale insolito, è frutto di una mossa astuta di Guccio Gucci: date le origini orientali di questo legno la borsa della maison divenne l’accessorio più esotico disponibile sul mercato. Erano gli anni del dopoguerra, anni in cui la gente aveva ancora bisogno di sperare e di immaginare mondi lontani e floridi e nella caratteristica distintiva della Bamboo, le donne trovarono un po’ di speranza in questo accessorio di lusso, quasi esotico.

Foto archivio Gucci - www.gucci.com

Foto archivio Gucci – www.gucci.com

La bamboo-bag per un lungo periodo di tempo viene archiviata dal contesto moda, appannaggio di esclusivi collezionisti vintage e amanti della Pelletteria Fiorentina.

Declinata in tutti i colori e pellami, la Bamboo è rimasta intatta nella sua forma sempre attuale ed apprezzata da tutte le donne, fino al 2010, quando Frida Giannini, allora direttore creativo della maison, realizzò un restyling dell’iconica borsa.

La New Bamboo, così venne rinominata, presentava ancora i tratti essenziali della precedente versione ma con l’aggiunta di una splendida tracolla metallica, con parti in pelle e alcuni dettagli in Bamboo, per richiamare il manico. Il nuovo modello è stato presentato e declinato in moltissime versioni: coccodrillo e pelle di pitone.

Adoro pensare che questa borsa sia un’altra icona di stile intramontabile e quando la riconoscerete presso una fiera o un negozio di Vintage non potrete resisterle e inserirla tra gli accessori indispensabili della vostra cabina armadio nello spazio Vintage!

Bamboo bag - motivo flora

Bamboo Bag Gucci – motivo flora

di Michele Michele Vignali

WWW.GUCCI.COM

dal blog di  michelevignaliblog.wordpress.com

MicheleVignaliBlog

MicheleVignaliBlog

2 Discussions on
“Storia della Bamboo Bag Gucci di M. Vignali”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: