Mipel 106–2014 e Il valore aggiunto degli accessori Campomaggi

Il tempo non toglie, ma aggiunge”. E’ questa la filosofia e l’assunto del designer Marco Campomaggi, presente con un allestimento scenografico esclusivo e di forte impatto visivo durante la Fiera dell’Accessorio più rinomata a livello internazionale: Mipel 106 – 2014 appena conclusasi a Milano.

Le sue creazioni acquisiscono nel tempo un valore aggiunto, quel sapore antico che rievoca un pout pourri di vissuto, un passato che ritorna per essere compreso, valorizzato, esaltato.

Campomaggi si distingue oltre che per la selezione esclusiva dei pellami pregiati anche per l’antico metodo della lavorazione artigianale.

Cocco, tartan, ciniglia e cuoio naturale sono solo alcuni esempi di materiali utilizzati e plasmati per ricreare quello straordinario effetto vintage così esclusivo ed accattivante pensato per una donna passionale e intensa come i suoi ricordi.

Anche le cromie naturali riflettono la filosofia del brand: lo sbiancato, le trame cangianti, il laminato, must have della primavera/estate 2015 diventano un chiaro riferimento ad un ritorno dei tanti agognati anni ’80, il tutto, impreziosito da audaci e lucide borchie dorate e argento vivo.

Nella collezione Campomaggi, made in italy 100%, non poteva mancare il tema mimetico e del trasformismo. Il camouflage si modernizza attraverso l’uso del glitter, per un accessorio che risulta brillante di giorno ma estremamente elegante la sera.

Portafogli, piccoli accessori e bracciali spiccano, per la minuziosa e meticolosa precisione della lavorazione tipicamente artigiana. Campomaggi può essere considerato un fautore della contemporaneità cosmopolita unita alle tradizionali passioni artigianali di un lusso intramontabile.

Un ringraziamento speciale ad Alessandro Gozi per la sua squisita collaborazione.

Copyright Alvufashionstyle

 

8 Discussions on
“Mipel 106–2014 e Il valore aggiunto degli accessori Campomaggi”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: