Burri e La Calza di Carta di DèPio – aporia di contrasti

Calzaturificio DèPio - Pitti uomo 86 - Foto Alvufashionstyle

Calzificio DèPio – Pitti uomo 86 – Foto Alvufashionstyle

Si può essere perfettamente alla moda e in armonia con la natura? Durante la kermesse internazionale Pitti Uomo 86 il calzificio italiano fondato nel 1949 da Pio Chiaruttini, ha presentato in anteprima la “Calza di Carta” in fibra naturale, il cui filato, biodegradabile proviene direttamente dal Giappone.

La trama è intrecciata ad altre fibre, canapa, lino e cotone e come spiega Mary DèPio: “Il materiale di cui è composto è molto leggero e resistente. Al tatto è liscio e grazie alla sua naturalezza permette una buonissima areazione ed è un ottimo isolante sia per l’estate che per l’inverno”.

Il marchio DèPio è sinonimo di altissima qualità, di materiali e filati pregiati, selezionati. Nel 2009, il brand, è stato premiato dalla Regione Lombardia con il titolo di “Eccellenza Artigiana”.

Cuore della produzione è la collezione Donna Chic Appeal.

Ogni calza rappresenta una storia, un contenuto di ricchezza e di know how tramandato da generazioni. Un racconto scritto al presente, ispirato dall’intuizione di quel momento unico e creativo. La cromaticità urlata e la texture ne identifica la singolarità. Il giallo sole, l’arancio, il blu elettrico ricordano le tonalità moderne di Mondrian.

Il design contemporaneo della Calza di Carta rappresenta l’essenza sperimentale e avanguardista eco-friendly, in armonia con la natura, congiuntamente ai polimateriali biodegradabili che esaltano un concept esclusivo ed originale, quasi avveniristico, come lo fu Alberto Burri agli inizi degli anni ‘50 con l’elogio dell’espressione materica e delle fibre di scarto.

Alberto Burri nel commemorare i Sacchi di juta e canapa grezza, stracciati, recisi, ormai inutilizzati, ritrae la vita umana e ne celebra l’esistenzialismo attraverso una biodegradabilità sfruttata e una visione disfattista dell’eco-sistema, in un rapporto Uomo-Natura contraddittorio e spaccato.

La famiglia DèPio in antitesi, contrappone una natura armonica, in cui l’Uomo crea in un mix di amore, filo e macchina, ispirandosi alle forme della natura, ne assapora le influenze, i viaggi, gli incontri, le piccole meraviglie della vita che profumano di significato, di sentimenti positivi, di amicizia e affetto.

Il design dei filati selezionati e nobili trasmette una solarità ironica, un gioco vivace di contrasti cromatici e l’uso biodegradabile della carta ci racconta di una natura amica. Ed ecco, che un semplice oggetto funzionale come la calza che tendenzialmente passa in secondo piano rispetto alla mise indossata, diventa un’opera d’arte, protagonista indiscussa di un look assennato, razionale, attento ed eco – sostenibile.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Site DèPio

Per gentile concessione Immagini www.22press.it

Alvufashionstyle

6 Discussions on
“Burri e La Calza di Carta di DèPio – aporia di contrasti”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: