Il Museo di Gucci è on line

gucci museo

 

Gucci approda sul web lanciando il sito www.guccimuseo.com, un archivio virtuale e multimediale che raccoglie informazioni dettagliate sulla storia della maison, icona di stile a livello globale. Il Museo di Gucci è attualmente situato in Piazza della Signoria a Firenze, all’interno dello storico Palazzo della Mercanzia simbolo ufficiale delle arti e dei mestieri fiorentini.

Qui è possibile visionare una collezione esclusiva dei capi Gucci, prendersi una pausa caffè nell’omonimo spazio e acquistare direttamente allo store dei pezzi unici destinati ad un target elitario e appassionato.

Il sito soddisfa e risponde perfettamente ai criteri di accessibilità e fruibilità delle informazioni che trattano le iniziative del brand a sostegno dell’arte e degli artisti emergenti, le collaborazioni con le più importanti case cinematografiche e le campagne di sensibilizzazione e raccolta fondi a favore di tematiche umanitarie.

Il visitatore rimane immediatamente affascinato e catturato dalla bellissima immagine scenografica dell’home page con lo sfondo illuminato del Palazzo della Mercanzia in versione day and by night.

Successivamente, l’attenzione viene spostata e canalizzata in basso dove sono clickabili i links principali delle attività, aggiornate in tempo reale, riguardanti la maison.

Sulla destra in alto, un menu a sezioni identifica immediatamente la struttura, chiara e lineare, bianco su nero, suddivisa in tre parti:

–        GUCCI ARCHIVIO

–        GUCCI E ARTE

–        GUCCI MUSEO

Nella sezione GUCCI ARCHIVIO sono presenti le icone che hanno reso il brand un marchio esclusivo, fautore mondiale del Made in Italy e dell’old school artigianale toscana.

Un excursus storico della Borsetteria attraverso i modelli, la selezione delle pelli, i materiali esclusivi e pregiati, il design intramontabile delle borse Bamboo e Jackie.

bamboo

Il motivo Flora dipinto a mano, il design del logo, gli abiti da sera, il mocassino con morsetto e una gamma unica di accessori da viaggio e lifestyle per il tempo libero.

In GUCCI E ARTE troviamo uno squisito assaggio di alcune mostre attualmente visitabili all’interno del museo: La Femminilità Radicale di tre donne dalle culture e dai vissuti diversi quali: Lee Lozano, Alina Szapocznikov ed Evelyn Axell.

Lo straordinario cuore roteante il “Red Indipendent Heart” realizzato dall’artista portoghese Joana Vasconcelos con l’uso sistematico di coltelli, cucchiai e forchette. Il Lavoisier e Psycho, che evidenziano come oggetti di uso domestico possano profondamente far parlare di sé abbinati a capi all’uncinetto, attraverso trame casalinghe a volte purtroppo soffocanti e talvolta estremamente violente.

Cindy Sherman pioniera della fotografia come forma d’arte e Bill Viola che sommessamente reinterpreta la struggente storia d’amore di Tristano e Isotta attraverso due forze completamente in antitesi: acqua e fuoco.

E infine la Film Foundation, collaborazioni a sostegno della filmografia e del cinema documentaristico a sfondo sociale e umanitario.

La terza parte del GUCCI MUSEO si arricchisce di contenuti utili per chi voglia approfondire le informazioni attraverso una visita in loco presso il Museo sito in Piazza della Signoria a Firenze.

Dunque, questa enorme enciclopedia multimediale aggiornata on line è uno splendido capolavoro non solo per gli appassionati di moda, cultori e studiosi di storia dell’arte ma anche per semplici amatori.

Inoltre il sito, tradotto in ben otto lingue, ha una portata globale, unisce nella passione ed è pronto a piazzarsi, tra i primi siti consultabili di archiviazione, storia e moda.

 

Alvufashionstyle

15 Discussions on
“Il Museo di Gucci è on line”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: